Spread the love

BCE – «Le restrizioni all’attività economica durate oltre un anno finora non hanno comportato instabilità finanziaria. Tuttavia, incombe la minaccia di un’ondata di insolvenze aziendali, se gli Stati non gestiscono una transizione agevole dagli aiuti sotto forma di liquidità a forme sostegno alla solvibilità più selettive, e a forme di ristrutturazione del debito aziendale per le imprese sane».

L’allarme arriva direttamente dallo European Sistemic Risk Board, il Comitato per il rischio sistemico che fa capo alla Bance centrale europea. L’ Esrb chiede di «evitare gli aiuti alle imprese zombie» e invoca «una risposta tempestiva e decisiva» da parte delle autorità, avvertendo che più durano moratorie, garanzie e prestiti pubblici, «maggiore potrebbe diventare il problema della solvibilità a causa dell’accumularsi del debito». Secondo Chirstine Lagarde, che presiede la Bce, è ancora «troppo presto» per dire che il peggio è passato.

Lagarde, ieri, ha spiegato che il ritmo accelerato delle vaccinazioni rappresenta una luce in fondo al tunnel, e che il secondo semestre dell’anno potrebbe vedere «una crescita robusta» dopo un primo trimestre negativo e un secondo trimestre in miglioramento.

Tuttavia, ha detto, «non abbiamo ancora attraversato il ponte verso una vera e propria ripresa».

Da “La Stampa”

Leggi anche: Una splendida giornata per Mario Draghi. Fiducia al PNRR

www.facebook.com/adhocnewsitalia

www.youtube.com/adhoc

Tweet di ‎@adhoc_news

SEGUICI SU GOOGLE NEWS: NEWS.GOOGLE.IT