barbara-d’urso-rischia-grosso:-servizio-a-luci-rosse
Spread the love

Di recente si è molto discusso della possibile chiusura di due programmi di Barbara D’Urso. Ma già qualche anno fa la conduttrice aveva rischiato di dover dire addio ai suoi show. Pier Silvio Berlusconi, infatti, non aveva per niente gradito alcuni suoi servizi un po’ troppo espliciti!

112139-ppl

Gli ascolti dell’ultimo periodo dei programmi di Barbara D’Urso non sono stati buoni come si sperava. Per questo secondo alcune indiscrezioni la popolare conduttrice rischierebbe ora di dover dire addio a ben due show: Domenica Live e Live non è la D’Urso.

La notizia è stata accolta con molta tristezza dai tanti fan della donna, che non voglio rinunciare alla sua compagnia nel fine settimana. Ma non è la prima volta che il futuro di Carmelita è in bilico.

Già in passato, infatti, Barbarella se la sarebbe vista brutta: direttamente Pier Silvio Berlusconi, infatti, l’aveva minacciata dopo che lei aveva mandato in onda alcuni servizi ‘a luci rosse’.


Leggi anche: GF Vip: quarantena a luci rosse tra Antonella Elia e il fidanzato


Barbara D’Urso rischia per il servizio a luci rosse

barbara-shock

La puntata del 19 gennaio 2014 di Domenica Live aveva sollevato molte polemiche. Il servizio mandato in onda dalla conduttrice, infatti, era stato considerato eccessivo per la faccia protetta e persino il Moige (movimento italiano genitori) aveva protestato contro la D’Urso.

Barbara, così era stata costretta a chiedere scusa anche perché tra chi si era scagliato contro di lei c’era stato anche il vicepresidente del Biscione, Pier Silvio Berlusconi, che si era detto “prima incredulo poi sempre più scuro in volto” mentre assisteva alla diretta di Domenica Live.

Il figlio dell’ex premier, infatti, in occasione di una riunione a Cologno Monzese aveva dato una sorta di ultimatum, facendo capire che non se avesse continuato su quella linea Domenica Live avrebbe chiuso.

Insomma, anche anni fa Barbarella aveva rischiato di dover lasciare la tv ma allora si era salvata: stavolta riuscirà a scamparla?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *