attacco-jihadista:-uccisi-i-tre-giornalisti-europei-scomparsi
Spread the love

Le vittime, due spagnoli e un irlandese, erano al servizio di un’Ong ambientalista. La sparizione risale a lunedì, a seguito di un’imboscata armata.

Jihadisti
Gruppo Jihadista (Getty Images)

Due spagnoli e un irlandese, scomparsi questo lunedì (26 aprile) dopo l’imboscata armata nel Burkina Faso orientale sono morti. Lo hanno annunciato questo martedì le fonti dell’Intelligence locali. Gli autori dei rapporti, citati dalla Reuters, hanno chiesto l’anonimato perché non autorizzati a informare i media. Le tre vittime erano scomparse ieri mattina, a seguito dell’attacco al loro convoglio nel corso di una pattugliamento anti-bracconaggio.

LEGGI ANCHE >>> “Ho dei dolci per te”: prova a rapire un bambino di 6 anni, è caccia all’uomo

Avanza l’ipotesi della matrice terrorista

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Scandalo Boris Johnson: “Lockdown? Preferisco una pila di morti”

Le indagini sono state avviate il giorno stesso dell’attacco, con l’immediata mobilitazione delle autorità spagnole e irlandesi, “in contatto permanente con quelle del Burkina Faso e con i rapporti internazionali.” Dopo la triste notizia, manca all’appello un membro delle forze armate burkinabé, ancora nel mirino delle ricerche.

La notizia trova conferma anche nella dichiarazione del governo spagnolo di martedì 27 aprile: “i due cittadini spagnoli scomparsi lunedì in Burkina Faso sono morti.”, ha precisato il ministero degli Esteri a Madrid. Il convoglio anti-bracconaggio, composto da soldati, silvicoltori, addestratori e giornalisti occidentali, è stata attaccato questo lunedì 26 aprile nella vasta riserva naturale di Pama, a Fada N’gourma, nel Burkina Faso orientale.

Secondo quanto riporta di un funzionario locale, il convoglio “è stato bersaglio di un attacco all’asse Fada N’Gourma-Pama”. Il rapporto precisa che gli aggressori erano a bordo di due pick-up e al volante di una dozzina di motociclette. Durante l’attacco i criminali hanno rubato armi, droni e le jeep dei giornalisti. L’attacco è stato confermato anche della fonti della sicurezza locali, una delle quali ha affermato la nazionalità delle vittime: “tutti giornalisti di formazione al servizio di una Ong che persegue la tutela e la protezione dell’ambiente.”

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

gruppo jihadista
Gruppo jihadista (Getty Images)

L’attacco non è stato ancora rivendicato, ma nell’inchiesta avanza l’ipotesi della pista jihadista.

Fonte Reuters

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *