arresto-di-pablo-hasel:-attacco-alla-redazione-del-periodico-de-catalunya
Spread the love

Terza notte di scontri e proteste contro l’incarcerazione del rapper spagnolo. Il video pubblicato su Twitter.

polizia spagnola cattura rapper hasel
polizia spagnola (Getty Images)

L’arresto del noto rapper catalano Pablo Hasél lo scorso 16 febbraio continua a suscitare rabbia e frustrazione tra i suoi sostenitori. Questi è stato catturato intorno alle ore 8:30 presso l’Università di Lleida (UdL), dove il cantante si era barricato insieme ai suoi sostenitori. La condanna è pari a nove mesi di detenzione per “apologia di terrorismo” e “vilipendio della Corona, delle istituzioni dello Stato e delle forze dell’ordine del Paese.” Da quel martedì mattina scontri e proteste continuano ad animare le città spagnole per contestare l’”ingiusta incarcerazione” dell’artista e a chiedere la sua immediata liberazione. Questa volta, i manifestanti si sono radunati la sera di giovedì, verso le 19:00, in Plaza Tetuán a Barcellona, a pochi metri dalle sede del Periódico; situato in Carrer Consell de Cent 425-427.

LEGGI ANCHE >>> La compagna di Jamal Khashoggi si rivolge a Joe Biden

I messaggi di solidarietà dei giornalisti

Condenar el ataque por parte de grupos violentos a la redacción de @elperiodico

Todo nuestro apoyo a los trabajadores. Esperamos que los autores sean identificados y detenidos.

Una noche más, y van tres, nuestro apoyo a la policía y bomberos por su trabajo. Gracias! https://t.co/yWaXLPVm8Q

— Óscar Ramírez Lara (@oramirezlara) February 18, 2021

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Esplode una bomba contro due professori universitari

Secondo quanto riportano i media locali, gli aggressori sono passati davanti alla sede del quotidiano El Periódico de Catalunya creando disordine fino a tarda ora.  All’interno della struttura circa 30 professionisti sono stati presi di mira dai manifestanti tra grida e insulti racchiusi negli slogan contro la sede della “stampa spagnola manipolatrice”. In seguito, i rivoltosi hanno rotto le finestre con delle pietre, riuscendo a varcare la soglia della redazione intorno alle 20:30.

Gli scontri sono proseguiti verso Bailén, Aragó e València, dove centinaia di protestanti hanno innalzato barricate e incendiato numerosi cassonetti per ostacolare i furgoni dei Mossos d’Esquadra. I segnali di solidarietà non si sono fatti attendere: diverse associazioni di giornalisti e vari professionisti nella sfera della comunicazione hanno lanciato messaggi di sostegno alla redazione del Periódico. Anche il primo vicesindaco di Barcellona Jaume Collboni ha voluto esprimere il suo pieno sostegno alle vittime dell’aggressione.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Defensar la llibertat d’expressió i alhora atacar la seu d’un mitjà de comunicació és incompatible. El meu rebuig a la violència i la meva solidaritat amb @elperiodico i els seus treballadors i treballadores. https://t.co/JXY4XqXFV6

— Jaume Collboni (@jaumecollboni) February 18, 2021

“Difendere la libertà di espressione e allo stesso tempo attaccare la sede di un media è incompatibile“, ha precisato il politico dal suo account su Twitter.

PER RIMANERE INFORMATO SU TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO GUARDA IL TG DI YESLIFE

Fonte El Periódico

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *