Spread the love

DifficoltàFacileTempo10 min di preparazione, 0 min di cotturaTipo di cotturaNessunaDosi per4 personeIngredienti200 g di stracciatella pugliese; 2 fette di pane casereccio raffermo; 2 cucchiai di frutti del cappero; 2 cucchiai di olive nere; 2 pomodori verdi; 2 pomodori rossi; 1 carosello (cetriolo dolce pugliese); 1 cipolla rossa; un ciuffo di basilico; origano fresco; olio extravergine d’oliva; sale; pepe o peperoncinoIl consiglioL’acquasale (o acquasala o cialdedda) è l’emblema della genialità, semplicità e bontà della cucina pugliese. Nella tradizione locale contadina, il pane raffermo e indurito che non poteva più essere mangiato veniva bagnato con acqua e sale e condito con qualche verdura disponibile (di solito solo cipolla o pomodoro) e abbondante origano e olio diventando così un piatto saporito e saziante. In questa versione si arricchisce di una deliziosa cucchiaiata di stracciatella (fili di mozzarella “stracciati” e ammorbiditi nella panna fresca, un vero vanto della produzione artigianale di latticini ). Preparazione

Lavare tutte le verdure, tagliarle a cubetti e unirle in una larga ciotola. Sbriciolare grossolanamente il pane e bagnarlo velocemente con acqua salata.

Unire il pane alle verdure e condire con l’olio extravergine d’oliva, un pizzico di sale, le olive snocciolate e tagliate a pezzi, i capperi e il basilico spezzato con le mani. Lasciar fondere i sapori per qualche minuto.

Prelevare un cucchiaio di pane condito e formare la tartare direttamente sui piattini da portata servendosi di un anello tagliapasta di piccole dimensioni; completare con una cucchiaiata di stracciatella, foglioline di origano fresco e un cappero.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *